Skip to content

Le pulizie quotidiane

 

 

Schermata 2016-08-10 alle 14.22.17

Le pulizie quotidiane sono semplici e veloci, e necessarie per i nostri carlini!

Oggi il Presidente Leon e le sue assistenti Etoile e Carol, anche noti come i tre porcellini , ci fanno vedere come si fa.. e in dieci minuti, abbiamo finito!

Per una veloce ed efficace pulizia quotidiana , da effettuare possibilmente mattina e sera , non serve un largo impiego di prodotti specifici, che nel caso devono sempre essere consigliati dal veterinario.

Ciò che dovete sempre avere a disposizione è :

*soluzione fisiologica sterile : in fialette monodose, ma ancora più comoda la classica ‘ flebo’ , basta avere cura di lasciare dentro una siringa una volta aperta, in modo che  la flebo resti chiusa.

*dischetti di cotone : quelli struccanti vanno benissimo, meglio del cotone idrofilo perché non lasciano pelucchi.

*garzine in tnt ( tessuto non tessuto) , in farmacia

*salviettine baby ipoallergeniche ( senza PEG, parabeni, profumi eccetera) , in farmacia.  Al posto delle salviettine si può utilizzare un panno o un guanto di cotone, ma in questo caso andrà lavato o sostituito dopo ogni utilizzo. Le salviettine sono certamente più igieniche, essendo usa e getta.

*un buon collirio idratante – sempre utile e necessario per ogni carlino, a prescindere dalla presenza o meno di cheratite. Non usare colliri medicati se non prescritto dal vostro veterinario.

*per il tartufino secco o screpolato e per il classico ‘ cornetto’ che spesso tende a formarsi : è sufficiente un velo di olio di oliva, oppure una minima quantità di una buona crema emolliente ipoallergenica ( es. Ciderma crema di Boiron, che è quella che utilizzamo noi, o altro prodotto consigliato dal tuo veterinario).

Gli errori più comuni, stando alle e-mails e richieste di consigli che riceviamo, sono i seguenti:

- eccessivo impiego di prodotti a base di clorexydina

- utilizzo di acqua borica per la pulizia degli occhi ( non è adatta alla pulizia degli occhi perché ha un ph diverso da quello della lacrima)

- utilizzo di creme all’interno della piega naso-labiale , non fanno che peggiorare la situazione in una zona dove già la pelle non respira. In caso di irritazioni o infezioni potrà essere utilizzato un prodotto specifico per il tempo necessario.

- eccessivo ricorso al ‘ bagnetto’. Salvo specifica indicazione veterinaria che richieda shampoo terapia in caso di dermatiti e affezioni cutanee, i bagnetti troppo frequenti non sono indicati per il nostro carlino. Ma la pulizia quotidiana sì!

Vediamo quindi come procedere :

OCCHI : con il vostro carlino comodamente seduto sulle vostre ginocchia, effettuare un leggero lavaggio dell’occhio con soluzione fisiologica. La siringa ( senza ago!) non deve mai toccare l’occhio né il muso del cane.  Asciugare con cura e poi instillare una o due gocce di collirio idratante  ,  il flacone non deve mai toccare l’occhio o il muso del cane.  Asciugare di nuovo, accertandosi che non restino zone umide o bagnate.

ORECCHIE :  la pulizia che possiamo fare noi a casa riguarda la parte esterna dell’orecchio. Non utilizzare mai cotton fioc né altro che consenta di penetrare all’interno dell’orecchio – quel tipo di pulizia può essere effettuato in sicurezza solo dal veterinario. Avvolgere intorno al dito una garzina in Tnt precedentemente inumidita con una piccola quantità di soluzione fisiologica ed pulire dolcemente senza forzare. Poi utilizzando una nuova garzina pulita asciugare con estrema cura  - non lasciare mai l’interno dell’orecchio bagnato. Una volta alla settimana può essere opportuno utilizzare un prodotto specifico per la pulizia delle orecchie, tra i molti disponibili in commercio, sempre avendo cura di non lasciare mai l’interno dell’orecchio umido o bagnato . Le orecchie di un cane che non ha  otite né processi infiammatori in corso si presenteranno internamente di colore bianco – rosa, e non emaneranno cattivo odore. Lo schema di pulizia quotidiana qui indicato si riferisce all’assenza di otite o altra patologia, in presenza delle quali dovrà invece essere utilizzato il prodotto indicato dal veterinario per il tempo necessario. Otiti frequenti, malassezia e altre condizioni croniche dell’orecchio sono spesso sostenute da uno stato infiammatorio generale, del quale sarà necessario occuparsi , tramite un veterinario competente, per risolvere un problema che diversamente nessun prodotto per uso topico potrà mai risolvere.

PIEGA NASO LABIALE : anche per la piega naso-labiale, consigliamo di evitare – errore molto comune – l’utilizzo quotidiano di prodotti alla clorexydina o detergenti aggressivi.  Se non ci sono infezioni né secrezioni importanti, una semplice pulizia quotidiana con una garzina appena inumidita di soluzione fisiologica , asciugando poi sempre molto bene – mai lasciare umido o bagnato! – sarà perfettamente sufficiente. Una o due volte alla settimana può essere opportuno utilizzare un prodotto specifico. In presenza di secrezione , infezione o irritazione, il vostro veterinario saprà consigliarvi il prodotto più indicato, da utilizzare per il tempo necessario.

MANTO : evitare bagnetti troppo frequenti. Effettuare una pulizia quotidiana con salviettine baby ipoallergeniche o anche con un guanto o panno di cotone appena inumidito con acqua tiepida.  In presenza di lesioni cutanee, l’utilizzo nelle aree interessate di un prodotto specifico indicato deve essere consigliato dal veterinario. Se non ci sono lesioni cutanee, dopo aver effettuato la pulizia potete fare un secondo passaggio con una seconda salvietta su cui avrete spruzzato una piccola quantità di spuma detergente lenitiva , oppure a noi piace molto ( e anche ai nostri carlini) utilizzare per il passaggio finale una salviettina con qualche spruzzo di rescue remedy spray ( fiori di bach), insistendo in questo caso sulle zone senza pelo per consentire l’assorbimento cutaneo del rescue remedy. Oppure ancora ,sempre nel passaggio finale dopo le pulizie  ,noi troviamo utile nella stagione calda passare una salvietta su cui avrete spruzzato ( uno spruzzo o due al massimo) uno spray repellente naturale e atossico ( noi utilizziamo Ledum Complex Spray Homeofarm, ma sono parimenti atossici e totalmente naturali anche Aroma di Guna 2 o Bio Out Spray – in farmacia). Noi preferiamo sempre spruzzare sulla salvietta e non direttamente sul cane. Questa pratica è una protezione ulteriore, particolarmente utile nella stagione calda,  che non sostituisce  la profilassi preventiva sempre necessaria.

Il carlino – e se stai leggendo qui probabilmente già lo sai – è un ‘ finto’ cane a pelo corto. Perde pelo per 365 giorni all’anno. Una spazzolatura quotidiana può essere di aiuto, purché effettuata dolcemente e considerando la sua pelle delicata. Esistono in commercio spazzole che consentono di rimuovere anche il sottopelo, se le utilizzate raccomandiamo di non usarle più di una volta alla settimana. Noi preferiamo utilizzare un semplice pettine per cani a denti stretti, oppure un guanto specifico.

e infine…i dentini! Avrete notato che nel nostro video la pulizia dei denti non è inclusa. Questo perché sono molto pochi i carlini che se la lasciano fare, e anche perché la pulizia dei denti può essere addirittura sconsigliata se il vostro carlino ha già problemi a denti o gengive o ha dolore alla bocca. Inoltre, a meno che il vostro carlino non sia stato abituato fin da piccolo al lavaggio dei denti, è altamente improbabile che possa tollerarlo da adulto. Non è quindi una cosa da fare sempre a tutti.Detto questo, sono molti i prodotti disponibili in commercio come ‘ antitartaro’, e a questo proposito raccomandiamo attenzione nell’utilizzo di bastoncini da masticare di vario tipo soprattutto in presenza di intolleranza alimentare e nei soggetti allergici. Il sistema migliore per lavare i denti è utilizzare il vostro dito, avvolto in una garzina su cui avrete spalmato una piccola quantità di dentifricio per cani ( per cani! non utilizzare dentifrici ad uso umano!) .  Tuttavia,  la sola e unica pulizia dei denti  veramente efficace può ( e almeno una o due volte nella vita, dovrà) essere effettuata dal veterinario in anestesia totale, e in presenza o nel sospetto di infiammazione o infezione a denti o gengive sconsigliamo di lavare i denti o effettuare altri trattamenti domestici che non avrebbero alcuna utilità e rischierebbero anzi di aumentare il fastidio \ dolore già presenti.

I tre porcellini Leon , Etoile e Carol ringraziano per l’attenzione e sottolineano l’importanza decisiva del biscottino finale come parte del trattamento delle pulizie quotidiane!